Clinica Dentale Cappellin — dentista a Pinerolo

Storia della Clinica: prologo e cap. 1

fabio soggia, matteo morra, gloria elia

Questo è il primo articolo di una serie che racconta la storia della clinica dal punto di vista di chi l'ha vissuta.

PROLOGO

Questa è sicuramente una storia importante, una storia che coinvolge tante vite, le intreccia insieme e le compatta in maniera indissolubile. Se cerco una similitudine, non posso che pensare a un quadro popolato da miriadi di personaggi e scene: con lo sguardo lo “vedi” nella sua interezza, ma se ti fermi a osservarlo con più attenzione, inizi a essere attratto da visi che emergono dallo sfondo, da scene e mille particolari a cui non avevi prestato attenzione e più ne trovi, più sei spinto a cercarne con curiosità e meraviglia.
La Clinica festeggerà a breve i suoi primi otto anni e ciò che magari non è così evidente sono le storie delle persone che li hanno vissuti, medici, dipendenti, pazienti… una moltitudine di storie e vicende interessanti, ma la storia che vogliamo raccontarvi inizia ben prima, in un “lontano” 1997 in cui alcuni personaggi sono comparsi in un fondale ancora indistinto e vago, dando l’avvio inconsapevole a un progetto ben più ampio e alto, che mai, allora, avremmo potuto immaginare.

1. CAPITOLO PRIMO: I soci

Se adesso mi sforzo di pensare al nostro primo incontro, in realtà l’unico di cui ho vivida memoria è quello con Mario, il direttore della Clinica, perché mi ero rivolta allo studio medico-dentistico del padre, il dr. Silvano Cappellin, per un problema di stress e allergia (in effetti la maturità e il successivo test di ingresso erano stati un po’ impegnativi!). Mi ricordo il suo viso molto serio e il ciuffo di capelli ribelli oltre a un tono professionale… ecco, negli anni il tono professionale è rimasto, anzi si è ancora di più strutturato, mentre lo sguardo e la chioma sono cambiati molto nel tempo!

cappellin mario, fabio soggia, gloria elia

Con Fabio e Matteo l’amicizia è iniziata nella routine quotidiana degli studenti universitari, affrontando insieme materie nuove e complicate; in questo il dr. Fabio per la sua formazione odontotecnica era sicuramente più agevolato, ma fin da subito si è dimostrato disponibile ad aiutare ciascuno di noi, con quel suo fare riservato, ma sempre gentile e disponibile.
Già allora, oltre lo studio e la scelta della professione futura, ciò che ci ha legato è stata una epidermica simpatia reciproca e passioni comuni (computer e tecnologia per Mario e Fabio, film e fumetti per me e Matteo, una educazione cattolica fin dall’infanzia per tutti e quattro, al tempo un po’ “archiviata”, come spesso accade negli anni giovanili); altri li abbiamo imparati l’uno dall’altro, come l’interesse per le tecniche di rilassamento e la medicina naturale (a cui il dr. Mario ha dedicato tanto tempo e studio durante l’università e di cui adesso, a distanza di anni, continuiamo a beneficiare tutti quanti), il sushi (araldo del sole nascente è stato Matteo) e molto altro ancora, aspetti e abilità che cementano tutte le amicizie.

Eravamo molto giovani allora, vent’anni appena, e altrettanti ne abbiamo trascorsi insieme. Sì, perché certamente è stata la Provvidenza a metterci ciascuno sulla strada dell’altro, talvolta con incroci e curiose coincidenze, ma in parte è stata anche una decisione personale, rinnovata e perseverante, che fra alti e bassi, come in tutti i rapporti, non ci ha mai abbandonato: se penso ai colleghi di allora li lego indissolubilmente a ricordi di vacanze trascorse insieme, a serate spensierate, a momenti importanti (gli esami, i primi lutti importanti delle nostre vite, le crisi e i cambiamenti, il tentativo di crescere insieme migliorandoci a vicenda e cercando di migliorare per gli altri), all’Amicizia e affetto che sono state e sono le vere basi su cui si fonda la Clinica dentale Cappellin.

Alla prossima puntata, ogni ultimo giovedì del mese!


Articolo del blog a cura della dr.ssa Gloria Elia