/ Storie del team

La storia di Elisa Cavallo

Il mio percorso all’interno della Clinica Cappellin inizia esattamente due anni fa.
Ricordo ancora quel giorno di dicembre in cui trovai una chiamata persa e quando richiamai mi dissero che volevano fissare un colloquio conoscitivo presso la Clinica dentale Cappellin.

Ero al settimo cielo e non vedevo l’ora che fosse il giorno del colloquio anche se l’ansia iniziava a farsi sentire.
Il giorno del colloquio arrivai con qualche minuto di anticipo e appena mi aprirono la porta la sensazione che provai fu stupore: era tutto bellissimo, le ragazze che mi accolsero erano gentilissime, mai più avrei pensato che dietro quella porticina di vetro si celasse un’ambiente così perfetto.

Poi arrivò il momento del colloquio mi fecero accomodare nell’ufficio del Dr. Cappellin, dopo le presentazioni mi fecero parlare di me e poi mi spiegarono quale fosse il ruolo della segretaria all’interno della Clinica. La cosa che più mi colpì fu la loro sincerità perché non cercarono di mettere in luce solo gli aspetti positivi di quel posto di lavoro, ma fin da subito mi spiegarono quanto impegno avrei dovuto mettere per svolgere bene quella mansione.
Di colloqui ne feci tre, ma mai più avrei pensato che mi avrebbero assunta perché non mi sentivo all’altezza: ero così diversa dalle ragazze che vedevo in reception, loro erano tutte precise, gentili, senza un capello fuori posto io, invece, ero un vulcano e soprattutto quando sono nervosa mi viene da parlare tantissimo e a macchinetta...

Quando mi comunicarono che mi avrebbero assunta ero davvero felicissima, non vedevo l’ora di iniziare questa nuova avventura, ero davvero pronta a mettere tutto il mio impegno per dimostrare che avevano fatto la scelta giusta e per non deluderli.
All’inizio non fu per nulla facile, per me era un mondo completamente nuovo, dovevo imparare tutto da zero, sapevo che avrei dovuto studiare molto per riuscire a svolgere i compiti al meglio. Guardavo le mie colleghe con ammirazione perché riuscivano a fare moltissime cose e tutte alla perfezione, perciò mi imposi che dovevo diventare anche io così.

In questi due anni ho avuto diversi momenti di sconforto, pensavo di non riuscire a farcela e mi abbattevo molto a causa anche della mia forte emotività. Ringrazio però di avere avuto al mio fianco delle responsabili che mi hanno sempre supportata, hanno creduto in me e mi hanno sempre aiutato a trovare la soluzione migliore per risolvere i problemi e per crescere. Devo ringraziare in modo particolare Fabrizia che ha davvero creduto in me e mi ha insegnato tantissime cose: oggi grazie alla sua fiducia e a quella del dr. Cappellin mi occupo anche in parte dell’organizzazione degli eventi che è una mansione che mi piace e mi gratifica tantissimo.

Il bello di lavorare presso la Clinica Cappellin è che puoi sempre crescere e formarti, il dr. Cappellin ci permette di seguire diversi corsi per la nostra formazione lavorativa, ma non solo anche per quella personale. In Clinica non siamo considerati semplici dipendenti, ma siamo  persone che formano una grande famiglia ricca di valori che stanno alla base del nostro lavoro quotidiano.

Sono veramente fiera ad oggi di far parte della #bigfamily Cappellin e per questo ringrazio il dr. Cappellin e i suoi soci, dr.ssa Elia, dr. Morra e dr. Soggia e ultimi, ma non per importanza, tutti i miei colleghi.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con i tuoi amici!

La storia di Elisa Cavallo
Condividi