/ Dentalblog

PRGF (Fattori di crescita arricchiti delle piastrine)

Avete mai sentito parlare di PRGF? In questo articolo troverete tutto ciò che c'è da sapere su questa innovativa metodica.

Cos'è il PRGF?

PRGF è un'abbreviazione inglese che tradotta significa "Fattori di crescita arricchiti delle piastrine": le piastrine sono componenti del sangue che servono principalmente a riparare le ferite; quando una zona dell'organismo viene lesionata, le piastrine del sangue si ammassano nella ferita e si legano fra loro, in modo da creare una rete che favorisce la coagulazione e la formazione di un "tappo di guarigione".
Il PRGF sfrutta questo effetto, ma per amplificarlo utilizza una centrifugazione del sangue, che viene in questo modo separato nelle sue diverse componenti: globuli rossi e bianchi vengono separati dalle piastrine, in modo che il concentrato che si ottiene contiene principalmente piastrine e fibrina. Il PRGF è un vero e proprio concentrato piastrinico, ricco di fattori di crescita e di guarigione.

A cosa serve il PRGF?

Poiché il PRGF è ricco di fattori di guarigione, esso può velocizzare i processi di guarigione dell'organismo, come per esempio la cicatrizzazione della gengiva dopo un'estrazione dentale.
Inoltre, poiché contiene degli antinfiammatori naturali, può ridurre sensibilmente il dolore nella zona della ferita chiurgica.
Infine, poiché possiede al suo interno importanti fattori di crescita che stimolano la proliferazione cellulare, può accelerare i processi di rigenerazione tissutale, sia a livello di tessuti molli (gengive e mucose) sia a livello dell'osso.
Nella nostra clinica viene dunque usato in tutti i casi di interventi chirurgici, per migliorare i processi di guarigione e di rigenerazione dei tessuti.


Prenota subito la tua visita gratuita


Quali sono i vantaggi del PRGF?

Il primo vantaggio è rappresentato dal fatto che il PRGF non è un materiale sintetico, ma deriva dal sangue del paziente stesso: è quindi sicuro, privo di ogni rischio di infezione e non genera mai "rigetto" (come invece accade talvolta con materiali sintetici o tratti da cadavere).
Nella nostra clinica non usiamo tessuti derivanti da donatore umano (cadavere), perché non li riteniamo eticamente accettabili: siamo convinti che il miglior materiale per stimolare la rigenerazione dei tessuti sono i fattori di crescita che sono già presenti nel nostro sangue.
Inoltre ottenere il PRGF è molto più economico che acquistare materiali sintetici, animali o umani. Anche nel rialzo di seno mascellare il PRGF permette di ridurre in modo sostanziale la quantità di materiale osseo di riempimento e di velocizzare la guarigione, proteggendo dalle infezioni ed eliminando il rischio di rigetto: questo si traduce in una serie di vantaggi clinici ed economici per il paziente.

Come si usa il PRGF?

Il concentrato ottenuto dopo circa 30-40 minuti si presenta denso, ma soprattutto ha la proprietà di aderire perfettamente ai tessuti e alle ferite, inducendo una coagulazione immediata: si riduce notevolmente il sanguinamento e il gonfiore, le ferite guariscono molto più velocemente (3-4 giorni invece che 7-10 giorni come nella norma) e il dolore è sensibilmente ridotto. Con un compattatore si espelle tutto il liquido contenuto (per eliminare l'acqua e ridurre ulteriormente il volume).
Infine, si possono dare i punti di sutura addirittura sul PRGF, cosicché anche in caso di estrazione dentaria non è necessario incidere la gengiva per coprire il sito di estrazione, ma è sufficiente riempire il sito stesso con il PRGF che in questo caso svolge anche una funzione di membrana protettiva (analoga a una crosta su una ferita, ma con il vantaggio di formarsi entro pochi minuti, invece che in diversi giorni come in natura).

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con i tuoi amici!

PRGF (Fattori di crescita arricchiti delle piastrine)
Condividi